Sebastiano Dimartino

Trascorre l'adolescenza sotto l'influenza del cinema horror e del poliziesco all'italiana, quando nelle sale e sul piccolo schermo venivano proiettati i film di Mario Bava, Umberto Lenzi, Pupi Avati e Dario Argento. Ha lavorato a lungo nel mondo della musica come cantante e compositore, spaziando fra heavy metal, musica industrial ed elettronica. Nel 2022, alla soglia dei cinquant'anni, decide di dedicarsi alla propria idea di cinema, realizzando a 360 gradi i cortometraggi Detox e L'amore negli occhi.