Edoardo Pera

"Il primo film l’ho fatto a 12 anni, coinvolgendo tutta la famiglia in un’improbabile storia di fantasmi e bambini e costringendo mio padre, che aveva solo una piccola Kodak Instamatic, a fare acrobazie come se avesse una cinepresa Arriflex. Naturalmente il risultato fu piuttosto scarso.

Anni dopo, incerto se scegliere tra il Centro sperimentale di Cinematografia e l’università, scelsi quest’ultima e poi gli studi di Psicologia, seguendo l’altra mia passione: l’esplorazione della natura umana. Diventato uno psicoterapeuta e un insegnante di meditazione, qualche anno fa la vecchia passione si è rifatta avanti e, dopo aver frequentato un'accademia di cinema, ho cominciato a girare Endless river, il mio primo cortometraggio."